Il digitale cambia il business model del settore turistico.

Dalla comunicazione finalizzata alla mera promozione di una località o di una struttura ricettiva a un dialogo diretto e personale, soprattutto online, incentrato innanzitutto sugli utenti: ecco com'è cambiato il modello di business del turismo, in Italia come nel resto del mondo.

I nuovi canali comunicativi hanno indotto i professionisti di settore a modificare le loro modalità d'interazione col pubblico, sempre più presente su piattaforme come Facebook, Instagram, Pinterest e YouTube.
Promuoversi facendo affidamento a un semplice sito di rappresentanza non basta più!

Quando le storie racchiudono cultura, valori e identità.

In questi anni, la comunicazione del settore turistico è "esplosa", traducendosi in siti con informazioni e aggiornamenti, pagine social, contenuti testuali, immagini, video e risposte alle recensioni. Una relazione via via più stretta e assidua, quella fra i professionisti del turismo e gli utenti, e sempre più basata sul digitale.

Nella promozione dell'identità e della storia di un territorio o di una struttura ricettiva tramite i mezzi digital, ad esempio, le azioni di storytelling sono ancora molto rilevanti. Un hotel o un territorio hanno la possibilità di presentarsi grazie a un racconto empatico, talvolta intimo, e potenzialmente virale.
Il potere comunicativo raggiunto da questi messaggi è inestimabile. Farne un uso intelligente può avere un ottimo ritorno (anche economico, ovviamente) sull'azienda.

Inutile essere presenti dappertutto: scegli dove farti scegliere.

In Pittica lo diciamo sempre: essere ubiquitari non ha nessun senso. È una dispersione di tempo, di energie e di risorse economiche.
I canali di comunicazione digitale sono tanti, oggi come oggi, e ciascuno ha un certo tipo di caratteristiche.

La scelta dei canali in cui essere presenti e attivi con regolarità deve basarsi sugli obiettivi aziendali, sul pubblico di riferimento e sulla strategia interna adottata.
Del resto, se il target di un'azienda è sulla sessantina, che senso ha comunicare su TikTok?

La fiducia dipende da un messaggio chiaro, onesto e trasparente.

In qualunque canale si scelga di comunicare, ciò che conta è essere chiari, fedeli alla propria identità e trasparenti nei confronti delle persone.

Nel marasma di informazioni presenti sul web, è bene essere realmente ciò che si dice di essere. Niente messaggi poco decifrabili, niente informazioni fuorvianti, niente incoerenze.
Affinché le persone possano fidarsi di ciò che leggono, serve comunicare in modo onesto e veritiero. Questo perché la fiducia è il primo passo verso la scelta consapevole.

Vietato sottovalutare i mezzi digitali per la promozione turistica!

Per il proprio sostentamento e la propria espansione, il turismo ha bisogno di affidarsi anche agli strumenti digitali.
Piattaforme come Tripadvisor, Facebook, Instagram e Pinterest possono diventare una vera e propria risorsa per la trasmissione dei valori, della cultura e dell'autenticità di un luogo o di una struttura.

Non bisogna lasciare nulla al caso: strutturare una comunicazione corretta, basata sul giusto tono di voce, sui giusti messaggi, sui canali più sensati e sul pubblico di riferimento è il primo passo verso un buon utilizzo del digitale.

Mettiti in contatto con noi, ricevi un preventivo su misura e inizia a utilizzare gli strumenti giusti a favore del tuo business turistico!